,
 
ALCI - ASSOCIAZIONE LIBERI
COSTELLATORI ITALIA
 
Nuovi percorsi con le
Costellazioni Umane


ALCI - ASSOCIAZIONE LIBERI 
COSTELLATORI ITALIA
 
New paths of
Human Constellations
Home                             Chi siamo                          Formazione                       Incontri di gruppo                        Sessioni individuali                          Calendario incontri                         Libri e dvd                                  Contatti                                      Links

 

Silvia Miclavez

Il mio approccio alla Vita

Le Costellazioni Umane

Il libro bilingue "Una Vita più Vera"

IL NUOVO LIBRO SULLE
COSTELLAZIONI UMANE

Gli autori

Una Scuola di Percezione

Incontri

Campi di applicazione

______________

Bert Hellinger

Le Costellazioni Familiari
e Sistemiche


    

 

 

 

 

La Rappresentazione delle Costellazioni Umane
Familiari, Organizzative e Spirituali

The Representation of Human Constellations
Families and Organizations within a wider spiritual context

 

Silvia Miclavez

My approach to life

Human Constellations

The book "Rediscovering
our Innate Authority"

THE NEW BOOK ON
HUMAN CONSTELLATIONS

The authors

A School of Percepion

Meetings

Fields of application

______________

Bert Hellinger

Family and Systemic
Constellations

IL MIO APPROCCIO ALLA VITA

MY APPROACH TO LIFE

Dopo anni di ricerca, avventure e vicissitudini mi sta divenendo un po`più
chiaro, in particolare con la stesura del nostro ultimo libro, quel che accomuna 
me ed Andrew, che potrebbe anche spiegare perchè, pur apparentemente così 
diversi, siamo ancora qui a condividere, sempre sul filo del rasoio, un altro
tratto di strada insieme. Un riconoscimento reciproco al di là delle apparenze,
una speranza al di là dei traumi, una familiarità da altre vite, un progetto antico
che ha superato la morte, una continuità nella discontinuità, un amore che vuole 
realizzarsi al di là delle differenze famigliari, culturali ed etniche e una
spiritualità condivisa dove è ovvio che il "Divino" é un´esperienza intima e 
sentita che va al di là delle parole e può essere più profonda in chi nega "Dio" 
per il fastidio che prova nei confronti di chi abusa di questa parola, 
demonizzando poi ciò che mette in discussione questa presunta autorità esterna 
e giudicante che viene imposta in buona e in cattiva fede su tutti.

Ho sempre apprezzato il fatto che Andrew, per esempio, nonostante i suoi 
atteggiamenti dissacranti, avesse una sua integrità interiore ben nascosta 
e protetta da una potente difesa contro ogni interferenza. Ogni tanto, in modo 
totalmente improvviso, come un occhio che si apre su un amore infinito in cui 
mi sentivo naturalmente grande e pienamente  accolta, mi lasciava intravedere 
quella sua parte segreta, anche se spesso, subito dopo, arrivava una altrettanto 
inaspettata sfuriata contro qualcosa che lo infastidiva, in genere un attacco 
contro i dictat tedeschi o contro il mio atteggiamento sdolcinato ed eccessivamente 
generoso con le persone, che lui chiama "a futile piece of materialistic superiority". 
Insopportabile. Ma quegli altri momenti, in cui mi sono sentita totalmente 
Me Stessa, come in un Incontro Divino, non li ho più dimenticati e per il resto
cerco anche di riconoscere e smussare i miei eccessi e di far luce sulle mie ombre.

Le sue sfide continue, la sua ostentata superiorità, mi hanno aiutata ad essere 
forte, ad arrabbiarmi come con nessun altro e a toccare degli abissi di 
disperazione che comunque mi appartenevano. Un tale abisso l´ho toccato anche
durante un seminario in un lavoro sul corpo, sullo hara, dove sono entrata in 
risonanza con un dolore talmente profondo che mi ha scosso
tutto il corpo in un pianto disperato che dopo un potente sfogo non si capiva
più se fosse anche una risata: un pulizia profonda in cui ho potuto rilasciare
delle emozioni sopite da tempo, anche connesse con la morte di mia madre, 
che poi mi hanno lasciata con una sensazione di grande libertà.

Grazie al lavoro con le Costellazioni, che per me è un lavoro dell´anima in cui mi
sento "a casa", ho ritrovato una dimensione in cui tutto ciò può essere esplorato 
con il corpo, l´anima e lo spirito, se rimaniamo all´erta nel nostro centro vuoto, 
badando alla sensazione complessiva che ci arriva se ci manteniamo con tutti i 
sensi desti e con la percezione a 360°, per riconoscere il significato che ogni 
incontro o situazione importante ha nella nostra vita e per la nostra esistenza. 

Una dimensione che va al di là delle limitazioni fisiche del tempo e dello spazio, 
dove la non-località di cui parlano i fisici quantistici diventa un´esperienza di tutti 
i giorni e dove man mano nella nostra vita si delinea un disegno, un senso, che ci 
connette anche ad altre vite, per esempio a lontani antenati morti già da tanto 
tempo, ma ai quali potremmo sentirci più connessi che non a chi ci sta vicino 
cercando disperatamente di attirare la nostra attenzione. Toccare quegli abissi, 
quell´amore che va oltre l´abbandono e oltre la morte, credo sia il movente della 
mia vita e poter svolgere una professione in cui posso aiutare me stessa e gli altri 
ad attraversare questi abissi è una conquista e un dono prezioso, mai scontato, 
con il quale potremmo superare molti malintesi e riconoscere ciò che di volta in
volta ci accomuna e muove veramente.   


.............................................................................Silvia Miclavez

Andrew does not approach life in the same way as he does not approach a
beautiful girl sitting in a corner in a bar minding her own business, reading a book.
He might sit down near to her and read a different book but nothing more
invasive. Parallel realities based on the respect for difference and individuality
between him and life. What Andrew hates is to see compliance and complacency,
especially when found together.

.............................................................Andrew M. C. Wilkins